468x60 Ads

Luca Napolitano, Occhi Nuovi è il nuovo singolo: il ritorno in grande stile


Dopo i grandi successi di Supereroe e Movida, che hanno conquistato milioni di visualizzazioni su YouTube e nelle piattaforme streaming, Luca Napolitano torna sulle scene musicali. Occhi Nuovi è il nuovo singolo del cantante Napo. Il brano è già in pre-order su tutte le piattaforme musicali (clicca qui per acquistarlo su Apple Music) e sarà in rotazione radiofonica da venerdì 9 luglio 2021.

Il singolo presenta sonorità che strizzano l’occhio alla disco music anni ’70, con un ritmo trascinante, che lascia addosso una carica di energia e un senso di libertà. Musica legata ad un testo che descrive l’ambiguità di sensazioni odierne, spesso “spente e senza più emozioni” in un mondo dove tutto sembra già scontato, ma che potremmo vedere con occhi nuovi solo se lo vogliamo. Napo descrive così un ritorno all’anima, ai sentimenti veri di positività e libertà, anche se con un pizzico di ribellione. Il messaggio del singolo può essere sintetizzato dalla celebre frase dello scrittore Marcel Proust: “Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre, ma nell’avere nuovi occhi”, che l’artista ha saputo far suo e riportare nel testo di questo brano. 

Classe ’86, Luca Napolitano ha già raggiunto il traguardo di oltre 125.000 copie di dischi vendute. Nel 2008 approda in veste di cantautore all’ottava edizione di “Amici”, arrivando in finale al terzo posto. Da qui parte il suo percorso artistico che lo vede pubblicare l’anno dopo il suo primo EP, “Vai” che arriverà ad ottenere il certificato di disco d’oro. Durante un evento del noto talent la sua etichetta discografica (Warner Music Italy), lo omaggia con un sassofono firmato dal jazzista Stefano Di Battista, e riceve anche una cospicua borsa di studio da uno degli sponsor presenti. Entra nella Nazionale Cantanti e comincia a lavorare al suo primo album, “L’infinito”, uscito ad ottobre 2009, anticipato dal singolo omonimo. 

Nell’estate seguente gira l’Italia con “L’infinito Tour” e viene premiato all’Arena di Verona in occasione dei Wind Music Awards per le vendite dello stesso Ep. Nello stesso periodo viene scelto dall’attrice e regista romana Elena Bonelli come protagonista del film “A sud di New York”, dove partecipa nel ruolo di protagonista e interpreta la canzone che dà il titolo al film, in duetto con Federica Camba

 Nell’ottobre 2010 segue la pubblicazione di “Di me” secondo EP e poi a giugno 2011 “Fino a tre” (secondo album in studio) pubblicato sempre per la Warner Music. Il disco è stato anticipato dal singolo “Fino a tre (Turn Around)”, registrato in duetto con la cantante svizzera TinkaBelle. Seguono a pochissima distanza altri due singoli di successo come “Ci whatsappiamo” (2016) e “Anche Stavolta” (2017). Nel 2020 Luca decide di cambiare il nome artistico in Napo e con altri due singoli inediti “Supereroe” e “Movida” entra di diritto nel parco dei nuovi e giovani cantautori italiani più apprezzati.

Luca Napolitano presenta Movida e svela: "Ho vissuto un periodo di meditazione"


Il cantautore Napo, pseudonimo di Luca Napolitano, torna con un nuovo singolo dal titolo Movida, sotto la produzione dell’etichetta DA 10 Production e distribuito da Believe Digital. È una summer hit in stile pop, un pezzo che sembra essere una sfida ai mesi del lockdown, una dichiarazione di indipendenza che rivendica la voglia di stare all’aperto a divertirsi. Perfetto quindi per la stagione estiva, in cui le persone non vedono l’ora di abbandonarsi alla brezza marina, alle luci caleidoscopiche delle piste da ballo e ai sapori esotici dei cocktail. Movida ha tutte le carte in regola per diventare un “tormentone” estivo perché le sue sonorità mettono voglia di ballare, di apprezzare tutto ciò che ci circonda, lanciando un messaggio di ritorno alla vita e alla normalità, godendo di ogni istante senza dare nulla per scontato dopo i durissimi mesi della pandemia. 

Come stai vivendo il ritorno alla "Movida" normale? 
La “movida” è cambiata, in questo periodo è la normalità che diventa movida. Cambiare le abitudini alle quali eravamo legati un po’ ci destabilizza. Cerco di godermi giorno per giorno i colori di questa nuova estate che ha sicuramente un aspetto unico rispetto alle altre, non nascondo per niente la voglia di ritornare alla vera normalità!!! 


Con questo brano inauguri una nuova fase della tua carriera. Chi ti ha spinto o che cosa ti ha convinto verso questo cambiamento? 
Ho vissuto in questi anni un periodo di meditazione che mi ha portato a fare questa scelta. Napo esce dal mio passato, è il nomignolo con il quale i miei amici mi chiamavano da piccolo, ai quali facevo ascoltare le mie canzoni senza paure. Sono il Luca Napolitano di sempre ma con una consapevolezza differente. 

In generale, qual è il tuo rapporto con l'estate? le tue attività, le tue vacanze, i posti che visiti... 
Amo l’estate e soprattutto viaggiare in italia. Ovviamente non mi piace visitare gli stessi posti, cerco ogni anno nuovi stimoli. Non ho ancora deciso dove e quando andare in vacanza, ora sono proiettato completamente sul mio lavoro che vivo intensamente, e per il quale rinuncerei anche alla vacanza quest’anno, mi piace guardare l’orizzonte e il tramonto ovunque esso sia perché mi rilassa da morire. Credo negli amici più che nelle vacanze. 

Fra i tormentoni estivi del passato, ce n'è qualcuno che ricordi sempre volentieri? 
Il mio passato da animatore di villaggi turistici mi ha fatto crescere con i brani di Edoardo Vianello, credo che abbia sfornato delle grandi hit, indimenticabili!!! 

Secondo te, che cosa rende una canzone "speciale"? è questione anche di tempi e di fortuna? 
Gli ingredienti magici non li conosco, mi baso su quelle che sono le mie nozioni, gusti musicali, le mie idee, emozioni. Non sempre si riesce a scrivere cose speciali, le canzoni escono dal pozzo della nostra vita e lo decidono loro dove e quando, vivono di luce propria. 

"Movida" prelude a qualcos'altro? che progetti futuri ti attendono con la DA 10 Production? 
Stiamo lavorando già da diverso tempo al mio ultimo progetto, non vedo l’ora di pubblicarlo, la mia musica mi completa le emozioni di chi mi ascolta mi scolpiscono. 

Fonte: Fattiitaliani.it

Luca Napolitano: il video ufficiale di Movida, la nuova hit di Napo



È online il video ufficiale di Movida, la nuova hit di Luca Napolitano. Napo torna in tutte le radio e sulle piattaforme digitali con Movida che si appresta a diventare uno dei tormentoni dell'estate 2020.

 

Luca Napolitano, Movida è il nuovo singolo: "Nasce dall'esigenza di normalità"


Intervistato da SuperGuidaTV Luca Napolitano ha presentato il suo nuovo singolo: Movida.

Partiamo subito dal presente e dalla nuova musica: “Movida” è il titolo del nuovo singolo. Raccontaci come è nato? 
Movida nasce dall’esigenza di un ritorno alla normalità, l’ho scritta circa un mese fa subito dopo la pandemia. Il concetto è che la normalità diventa movida; mi piace chiamarlo così perchè qualche mese fa l’idea di incontrarci con degli amici, di poter chiacchierare, di poter anche passare una giornata al mare sembrava una cosa assurda, impossibile e il fatto di poterla realizzare fa si che anche una passeggiata, un ritrovo per giocare a carte sembra un qualcosa di élite. Tutto ciò mi è sembrata “movida”, che è l’idea contrapposta a quella che generalmente viene associata a qualcosa di glamour.

Oggi ti presenti alla musica con il nome di Napo (Luca Napolitano). Cosa si nasconde dietro questa scelta? 
In pandemia ho deciso di chiamarmi Napo, di cambiare nome d’arte senza snaturarmi, essendo fondamentalmente me stesso, ma facendo arrivare un parte più semplice di me, più veritiera. Napo è l’abbreviazione del mio cognome, è uno zoom sulla mia persona. Con Napo ti avvicini e mi vedi meglio da vicino, ma resto sempre io solo che mi rapporto al mio pubblico e a chi non mi conosce come se fossero degli amici, familiari e parenti. Mi piaceva l’idea di dover essere così come sono. Movida è il tuo primo brano post pandemia. 

Come vivi questo ritorno alla musica? 
Sono per il carpe diem, lo ero già prima e adesso ancora di più. La vivo come tutti, come una possibilità che ci viene data oggi di poter godere di più di quello che si ha. A volte ci arrabbiamo per cose futili. Credo che questo momento storico ci stia facendo riflettere tanto, ci siamo permessi negli anni di fare cose che forse oggi non rifaremmo più. Parlando di pandemia, impossibile non chiederti come hai vissuto la quarantena? Ho vissuto la quarantena qualche settimana prima vivendo a Milano. Quando sentivo la mia famiglia che vive in provincia di Napoli quasi non credevano che fosse così la situazione al Nord. Poi i telegiornali hanno iniziato a parlare del Covid e delle misure cautelative del lockdown e allora hanno cominciato a capire la gravità della cosa. La quarantena l’ho vissuta come tutte le persone normali: ho guardato Netflix, ho ascoltato Spotify e ho scritto nuove canzoni. 
 
Quindi è stato un momento creativo per te. Molti artisti hanno raccontato di avere un blocco…
La creatività viene o dall’up o dal down. Purtroppo rischi di scrivere la paura che hai dentro, anche se forse non è giusto raccontarla. Viceversa potresti esasperare completamente la paura esorcizzandola e cercando in maniera contrapposta di scrivere una canzone molto superficiale rischiando di passare per pazzo. Ho cercato di capire quando poter adoperare la creatività e quando metterla da parte visto che siamo degli esseri umani e tutti abbiamo degli alti e dei bassi. 

Parliamo di “Supereroe” con cui hai superato i 2 milioni di view su You Tube. E’ una rivincita per te? 
Per me è una grossa rivincita, ma sopratutto è un motivo di orgoglio. In un momento così delicato con la mia etichetta, che considero il mio team e la mia famiglia, abbiamo voluto ringraziare le persone che si stavano adoperando e che hanno speso, in alcuni casi, anche la loro vita. Era doveroso ringraziarli parlando tutte le categorie e tutte quelle persone che si sono fatte in quattro per noi. Supereroe è stato motivo di gioia, il brano è arrivato alle persone e ho avuto tanti consensi sui social da parte di medici e dottori che mi hanno scritto dicendo ‘grazie perchè ascoltando la tua canzone prima di andare a lavoro mi dà quella carica per affrontare la giornata nel miglior modo possibile.

Maria De Filippi: Luca Napolitano dice la sua su Amici e il Festival di Sanremo



Luca Napolitano è stato intervistato da SuperGuidaTv. In occasione dell'uscita del nuovo singolo Movida di Napo, Luca Napolitano ha ripercorso la sua esperienza ad Amici di Maria De Filippi e ha parlato anche del suo grande sogno: il Festival di Sanremo.

Sono trascorsi 11 anni. Come ricordi quell’esperienza? 
Io sono ancora nostalgico, Amici mi ha dato veramente una grande opportunità: quella di poter venir fuori e farmi conoscere al grande pubblico. Poi mi ha portato nelle case degli italiani come un cantautore firmando il mio primo contatto discografico con la Warner Music. Devo tantissimo a loro se non tutto, visto che venivo dai villaggi turistici: Amici è stata una forte palestra che mi ha fatto imparare tantissime cose e mi ha messo anche in mano nozioni e strumenti di questo mondo. 

Hai un ricordo particolare legato ad Amici? 
Grazia Di Michele è colei che mi ha scelto ad Amici sin dai provini, si è innamorata della mia musica. Il ricordo più bello che ho è sicuramente quando Zerbi mi disse che il mio inedito sarebbe entrato nella compilation “Scialla”: il mio ingresso discografico ufficiale in un disco. Quella roba lì mi emozionò come un bambino. 

Ad Amici ti sei classificato al terzo posto dietro Valerio Scanu e Alessandra Amoroso. Sei ancora in contatto con loro? 
Con Valerio Scanu di più, ci scambiamo gli auguri. Con Alessandra Amoroso ci siamo visti ultimamente. Sicuramente abbiamo fatto insieme un percorso importante: ci siamo divertiti, abbiamo pianto e riso insieme, è stato un momento magico e credo che ognuno di noi lo custodirà nel migliore dei modi. 

Su Maria De Filippi hai detto: “donna e professionista ammirevole, artefice della realizzazione del mio sogno musicale”. Lo pensi ancora e che in rapporti sei rimasto? 
Dopo Amici con Maria De Filippi ci siamo visti in determinate occasioni, per alcuni eventi e ci siamo sentiti attraverso amici in comune. Non c’è stato modo di intraprendere un’amicizia, ma nonostante ciò sono legato tantissimo a lei. Maria mi ha dato questa opportunità, certo ci sono gli insegnanti, le case discografiche, ma il programma si chiama Amici di Maria. Anche se io non ero amico di Maria (ride ndr), mi sono ritrovato in maniera esponenziale ad essere un ventenne nelle case degli italiani a cantare la mia musica sentendomi libero di esprimermi al meglio. 

Parlando di Amici pensi che la partecipazione ad un talent show sia un passaggio obbligato per fare musica? 
Guarda la musica indie insegna proprio questo: negli ultimi anni in tantissimi vengono dal web, pensa a Benji e Fede. Poi c’è chi viene da Instagram, Tik Tok, YouTube. Fondamentalmente se hai la tua arte la puoi esprimere in qualsiasi canale che sia Canale 5 o Rai1. Credo che ci sia un momento di fioritura, quando è il momento di sbocciare forse dovresti essere fortunato a farlo nel posto giusto al momento giusto, ma credo più nel momento di semina che di raccolta. Anche la fortuna gioca sempre un ruolo importante nella musica.. Una buona dose di fortuna non deve mancare, ma la vera fortuna è quella di conoscersi al meglio perché poi spesso capita di sentirci preparati e di non esserlo. La musica si fa per noi stessi, ma deve arrivare al cuore e agli animi della gente. Ci sono canzoni arrivate dopo come Caruso di Lucio Dalla, che è stata compresa dopo diversi anni. Fondamentalmente uno non deve nemmeno arrendersi davanti al primo ostacolo, ma essere testardi e crederci fino in fondo finché poi arriva un punto in cui deciderai se mollare o andare avanti. Non è stato il mio caso, anche se ho avuto modo di poterlo pensare. Ho passato un periodo delicato della mia vita, ho pensato di mollare, ma dinanzi ad un bivio ho deciso di continuare e combattere ancora con questa mia grande passione. 

Tra le varie esperienze nel 2017 hai calcato il palco di casa Sanremo. Come la ricordi? 
Sono sempre stato fan del Festival di Sanremo e della città. Essere lì è stata un’esperienza molto importante, anche se è come guardare una partita alla tv e non allo stadio. Mi è servito a capire l’aria che si respira: c’è odore di musica ovunque, per me è stato folle e bellissimo poterlo respirare. E’ la settimana della musica italiana. 

Immagino che sia tra i tuoi desideri poter calcare un giorno il palcoscenico del Teatro Ariston di Sanremo
Senza fronzoli: si! Mi piacerebbe tantissimo e faccio gli scongiuri dovuti da buon terrone (ride ndr)! 

Dopo Movida, quali sono i progetti per il futuro? 
 Seguiranno diversi singoli e poi dovrei uscire con un EP o un album. Adesso ancora non siamo ancora certi né sulla quantità dei brani né sulla data, ma sicuramente uscirà un disco fisico. 

Possibile che tu possa presentare un brano a Sanremo 2020
Ci penso ogni anno! Io penso che siano i pezzi a portarti a Sanremo, se devi fare un passaggio così importante devi andarci nel migliore dei modi e con il miglior pezzo che hai. Se hai la canzone giusta qualsiasi cosa accada rimane quella cosa lì, il pezzo fa tutto. Quando c’è la canzone rimane per sempre e rimane prima per sempre. L’importante è non andare lì in maniera trasparente. Questo è il mio sogno: farlo, ma farlo in maniera super tangibile!

Luca Napolitano: Movida è il nuovo singolo di Napo dopo il successo di Supereroe


Sulla scia del travolgente successo di Supereroe, che ha raggiunto oltre 2 milioni e mezzo di visualizzazioni su YouTube, torna con un nuovo singolo dal titolo Movida il cantautore Napo, pseudonimo di Luca Napolitano, disponibile in radio e su tutte le piattaforme digitali a partire da giovedì 16 luglio, sotto la produzione dell’etichetta DA 10 Production e distribuito da Believe Digital. Il brano è una summer hit in stile pop, un pezzo che sembra essere una sfida ai mesi del lockdown, una dichiarazione di indipendenza che rivendica la voglia di stare all’aperto a divertirsi. Perfetto quindi per la stagione estiva, in cui le persone non vedono l’ora di abbandonarsi alla brezza marina, alle luci caleidoscopiche delle piste da ballo e ai sapori esotici dei cocktail. Movida di Luca Napolitano - Napo - ha tutte le carte in regola per diventare un “tormentone” estivo perché le sue sonorità mettono voglia di ballare, di apprezzare tutto ciò che ci circonda, lanciando un messaggio di ritorno alla vita e alla normalità, godendo di ogni istante senza dare nulla per scontato dopo i durissimi mesi della pandemia. Non solo un nuovo brano, ma una nuova vita artistica per il cantautore campano, il cui pseudonimo di Napo, così come lo chiamano da sempre tutti gli amici, rappresenta in modo esplicito la discontinuità con le origini e vuole mettere in risalto il suo nuovo percorso musicale caratterizzato dalla produzione con l’etichetta discografica DA 10 Production.